Sulle Rotte della Memoria 

Vele Latine in Compagnia 

Nel borgo marinaro di Le Grazie, una delle gemme del golfo dei Poeti, nei giorni 31 Maggio e 1, 2, 3  Giugno 2007  si è svolta una kermesse all’insegna delle Vele Latine. La manifestazione, fortemente voluta dal comune di Portovenere, e dalla Compagnia delle Vele Latine di La Spezia capitanata Roberto Bertonati, si è aperta con l’inaugurazione del Museo dei mestieri del mare dedicato al Maestro d’Ascia Pietro Ricci. Hanno preso parte alla cerimonia il Sindaco di Portovenere Salvatore Calcagnini, l’Ammiraglio Comandante il Raggruppamento Subacquei e Incursori di Varignano Donato Marzano e altre autorità civili e militari. La Marina Militare, sensibile a queste iniziative, ha posizionato in rada la Nave Scuola Palinuro al comando del C.F.Patruno che pur in condizioni meteo difficili e riuscito a mandare a terra un gruppo misto di marinai e marinaie ,con il compito di allestire la “Cala del Nostromo”e spiegare le attività marinaresche, oltre che distribuire graziosi gadget alle numerose interessate persone presenti. Sono state effettuate, grazie alla disponibilità di uomini e mezzi della Motorvela, le visite a bordo del Palinuro, nella massima sicurezza. Un gruppo di palombari del G.O.S appartenenti al Comsubin ed al C.N.eS Polizia di Stato ha dato dimostrazione pratica in darsena del lavoro svolto dai subacquei nelle profondità marine, proiettando su un maxi schermo quanto avveniva in tempo reale sott’acqua. L’Aeronautica Militare, ha provveduto alla logistica, mettendo a disposizione degli equipaggi i locali del comprensorio di Cadimare. L’AIVeL con la presenza del segretario nazionale Dario Diana e del giudice e stazzatore Pietro Sanna, ha garantito il regolare svolgimento della regata. Gli equipaggi, provenienti da Carloforte, Calasetta,Savona, Celle Ligure, Massa Carrara, La Spezia, per un totale di 14 imbarcazioni, si sono esibiti nel pomeriggio di venerdì in una veleggiata nel seno di Le Grazie intorno alla Nave Palinuro. Sabato pur con qualche difficoltà a causa delle condimeteo difficili, e grazie al supporto dell’Srl Servizi portuali turistici del Circolo Velico di Portovenere e sotto l’attenta regia della sezione velica Forza e Coraggio di Le Grazie, si è svolta la regata, nel pieno rispetto delle regole, ma soprattutto con lo spirito di amicizia disinteressata che anima questi equipaggi, che non esitano a fare dei sacrifici anche economici, pur di dar corpo a questa passione per la natura, per il mare e per lo spirito di gruppo che li accomuna. Un’incontro conviviale, svoltosi nei locali dei cantieri Valdettaro, offerto dalla Pro Loco di Le Grazie alla presenza del Capo di Stato Maggiore del Dipartimento M.M dell’Alto Tirreno C.V. Salvatore Accardo, del Sindaco di Portovenere Salvatore Calcagnini, dell’Assessore Fabio Carassale, del Comandante del Palinuro, del responsabile della Pavistone di Olbia, dei cantieri navali Becconcini e di altre varie autorità oltre alla stampa, ha fatto da cornice alla nascita della nuova sede della Compagnia delle vele latine di Olbia. Il Nostromo della Vespucci Antioco Tilocca, rientrato in mattinata con il Veliero, sostenitore di questa nuova iniziativa, prende in consegna le insegne (Bandiera e Targa) da consegnare agli amici di Olbia, così da poter ampliare questo circuito di amicizia che si è innescato. La manifestazione si è conclusa con la premiazione degli equipaggi per classi.

Gozzi:    1°  A’ Cumedia Cellasca  di Celle Ligure;

Lance:  1°  Martilla-Ultragas di Carloforte;

Velieri  1°  Zigoèla di La Spezia.

Una stampa del pittore Vittorio Nobili, viene consegnata dal presidente Roberto Bertonati a quanti hanno collaborato per la riuscita di questo evento che con queste premesse sarà ripetuto il prossimo anno con sempre maggiore partecipazione ed entusiasmo. In ultimo ma non per ultimo, il Circolo Culturale Sardo "Grazia Deledda" di La Spezia, non poteva mancare a quest’avvenimento che incrociando le sue rotte, integra la comunità sarda qui presente in forze, con il territorio sul quale vive e opera, all’insegna del mantenimento sia delle tradizioni peculiari della propria gente, che di quelle comuni come la Vela Latina. Il pittore del mare Alessandro Cogotti, sardo di origine, sposato e residente a Marina di Massa, ha soggiornato per diversi anni sul nostro territorio. Grazie a questo vissuto, dà  corpo a questa presenza di gente sarda, con tocchi forti di colore e leggere tinte pastello riuscendo a mettere in rilievo e coniugare il carattere schivo, forte e tenace delle genti di Sardegna e Liguria. Le opere presenti, prevalentemente a carattere marinaro, sono state create per l’avvenimento, esposte nei vari stand hanno ravvivato la bella piazza nonostante l’inclemenza del tempo. Preziosi manufatti di ceramica artistica opera della ceramista Nina Meloni, autrice tra l’altro del Logo Ufficiale della Compagnia delle Vele Latine. Figure marine in acciaio lucido martellato dello scultore Piero Selmi, smalti su vetro di Antonella Arras. Oggetti tradizionali e antichi suppellettili completano lo stand. Infine un televisore dedicato, trasmetteva ciclicamente le bellezze, la storia e le tradizioni della Sardegna, esaltando l'espressiva presenza del circolo Grazia Deledda di La Spezia a questa sontuosa manifestazione.

                                                                                                                                    - Giuseppe Baule -

Il Meteo

Visite

291948
OggiOggi13
IeriIeri93
This_WeekThis_Week106
This_MonthThis_Month734
TotaleTotale291948